Sabato 4 e domenica 5 maggio, Torino Mini Maker Faire apre le porte al mondo dei Fixer!

Al pari dei Maker, anche quello dei Fixer è un movimento diffuso a livello mondiale e basato su valori e pratiche comuni: uno su tutti, la lotta all’obsolescenza programmata e prematura di elettrodomestici e dispositivi elettronici. Una battaglia che viene combattuta tramite la diffusione della cultura della riparazione, della rigenerazione e del riuso.

In un sistema economico in cui il ricambio dei beni di elettronica di consumo è sempre più rapido, con ripercussioni gravissime sull’ambiente, i Fixers rispondono con i Restart Party, o Repair Cafè. Eventi aperti, gratuiti e inclusivi in cui chiunque può partecipare chiedendo assistenza per la riparazione del proprio pc, aspirapolvere, tostapane che non funziona più. I Fixers mettono a disposizione il proprio tempo e competenze, in una logica di creazione di cultura e diffusione di conoscenza. Dal 2018 anche il Fablab Torino è entrato nella rete di sedi in cui la community di Fixers torinesi, Restarters Torino, organizza i suoi Restart Party.

Dare spazio e risalto al tema della riparazione comunitaria, in questo particolare periodo storico, è stata per noi una scelta naturale e necessaria. In questi mesi è in corso la petizione, lanciata da Restarters Milano e Giacimenti Urbani, per garantire il diritto alla riparabilità attraverso l’approvazione del Pacchetto sull’economia circolare della Commissione Europea.
Qualora venisse approvato, il pacchetto imporrebbe alle case produttrici alcune nuove misure che renderebbero i prodotti elettronici più longevi e più facilmente riparabili: accesso garantito ai pezzi di ricambio, alla documentazione di riparazione e una maggiore facilità di smontaggio.
Non c’è mai stata così tanta sensibilità tra la gente e così tanto supporto per la lotta contro gli sprechi, con la crisi della plastica nel mare e lo spreco alimentare che hanno visto una mobilizzazione di massa attraverso l’Europa e nel mondo durante quest’ultimo anno” spiegano i promotori della petizione, che ha già superato le 100.000 adesioni su Change.org “E oltre il cibo e il packaging, il pubblico vuole che tutti i prodotti siano migliori. Un’inchiesta realizzata da Eurobarometer rivela che il 77% dei cittadini europei è a favore di prodotti più riparabili.”

Nel corso delle due giornate di Torino Mini Maker Faire ospiteremo svariate iniziative organizzate dagli esponenti italiani del movimento Fixer e dalla rete internazionale The Restart Project:

 

Fixfest Italia 2019

Sabato 4 maggio avremo il piacere di ospitare la prima edizione di Fixfest Italia, il primo incontro italiano dei gruppi attivi nella riparazione comunitaria. L’evento è rivolto a persone che organizzano o fanno volontariato a Restart Party, Repair Cafè o altri simili eventi in giro per l’Italia, con l’obiettivo di condividere esperienze tra i gruppi attivi in Italia, scambiarsi competenze e idee per far crescere il movimento della riparazione nel nostro paese.
[Evento chiuso al pubblico]

 

Maker Morning

Ugo Vallauri, co-fondatore di The Restart Project, sarà uno degli ospiti che presenteranno un talk all’interno del Maker Morning, serie di incontri mattutini dedicati al mondo maker, domenica 5 maggio. Un momento di bilancio della prima edizione di Fixfest e di per sensibilizzare il pubblico verso il diritto alla riparabilità. Si passerà poi a presentazioni e dimostrazioni di progetti a cura dei diversi gruppi Fixer italiani.

 

Restart Party

Uno spazio di riparazione aperto a tutti i visitatori della Mini Maker Faire: portate i vostri elettrodomestici che non funzionano più, chiedete una consulenza per migliorare le prestazioni del vostro pc che arranca, o semplicemente scambiate chiacchiere e consigli con i Fixer italiani! Domenica 5 maggio, dalle 14.00 alle 17.00.

 

Tutto questo e molto altro vi aspetta alla Torino Mini Maker Faire, sabato 4 e domenica 5 maggio con ingresso gratuito. Presto sarà online il programma completo, per non perdervelo continuate a seguirci su Facebook, Instagram e Twitter!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: